NEWS  Vuoi risparmiare sui tributi comunali?
Leggi >

AltriVarie sui tributi

Cartelle esattoriali sospese per covid fino al 31/12

4 min di lettura

Cartelle esattoriali sospese per covid fino al 31/12 o, per meglio dire, tasse congelate per corona virus. Questo è quanto emerge dall’art. 68 del Decreto Legge del 17 Marzo 2020, n. 18 (convertito dalla Legge 24 aprile 2020, n. 27), così come modificato dal successivo Decreto Legge del 20 ottobre 2020, n. 129. Quest’ultimo decreto è stato pubblicato, in data 20 Ottobre 2020 sulla Gazzetta Ufficiale n. 260. Ma cosa hanno ancora sospeso i sopra citati provvedimenti ?

Sono state anche sospese le riscossioni di cui agli articoli 29 e 30 del Decreto Legge 31 Maggio 2010, n. 78. Bloccate anche le riscossioni di cui all’art. 9, commi 3 bis e 3 sexies del Decreto Legge n. 16 del 02/03/2012 (convertito dalla Legge 26/04/2012, n. 44. Sono state anche sospese, sempre fino al 31/12/2020, le ingiunzioni previste dal regio Decreto n. 639/1910 e gli atti previsti dall’art. 1, comma 792, della Legge 27/12/2019 n. 160 (accertamento esecutivo).


Naturalmente, quando si parla di cartelle – tasse (nel caso in esame, sospese o congelate per covid 19 – corona virus) si allude a tutte le riscossioni coattive che riguardano vari tributi. Quindi, parliamo di IMU, TASI, TARI, Canone Acquedotto, TOSAP. Ma riguardano anche IVA, IRPEF, IRAP o contributi come quelli INPS, INAIL, ecc.. Tutto quello che riguarda riscossione forzate (caratterizzate di azioni esecutive come fermi macchina, pignoramenti stipendi e pensioni, ipoteche, ecc.. sono sospese fino al 31 Dicembre 2020, salvo ulteriori proroghe.

E’ ovvio che quando si parla di cartelle esattoriali sospese si allude anche alle altre cartelle (o ingiunzioni) che sono gestite da ogni concessionario. Quindi, il tutto riguarda sia equitalia che ogni altro concessionario (o ditta di supporto agli enti comunali e non) che hanno avuto l’incarico di gestire riscossioni coattive – dette anche riscossioni forzate o corcitive.

Quando bisogna pagare le cartelle esattoriali – tasse sospese o congelate per covid – corona virus ?

Per il momento, quindi, le cartelle esattoriali – tasse sono state sospese (congelate) per covid-19 (o coronavirus). Si tratta di tutte i pagamento derivanti da riscossioni coattive relative ad entrate tributarie e non tributarie. Molti si chiedono, però, entro quale scadenza devono essere pagati gli importi derivanti dalle predette cartelle sospese dal Decreto Legge del 17 Marzo 2020, n. 18 ?


La risposta è questa: entro il mese seguente a quello relativo alla fine del periodo di sospensione. Per esempio, se il periodo di sospensione è stato fissato per il 31 Dicembre 2020, i pagamenti devono essere effettuati entro il 31 Gennaio 2021. Certamente se il termine di sospensione viene prorogato, slitterà anche la scadenza per i pagamenti.

Sospese anche le notifiche di nuove cartelle o ingiunzioni a seguito dei problemi covid

Fino al 31 Dicembre sono state bloccate anche le notifiche di nuove ingiunzioni, o nuove cartelle di pagamento. Stessa cosa vale le azioni esecutive. Infatti, se sono state bloccate quelle in corso, allo stesso tempo, è stato messo un fermo alle nuove azioni esecutive. Pertanto, fino al 31 Dicembre 2020 non possono essere iniziate procedure come pignoramenti presso terzi, pignoramenti salari, stipendi e pensioni, fermi amministrativi sugli autoveicoli.

Di conseguenza, fino al 31 Dicembre 2020 (o periodo successivo se interviene una proroga del periodo di sospensione) gli importi potenzialmente assoggettabili ad azioni esecutive non possono essere sottoposti a vincoli di sorta. Di contro, i soggetti terzi, come i datori di lavoro, il soggetto che eroga la pensione, ecc.. devono lasciare i soldi nella disponibilità del debitore.

E’ da sottolineare che il fisco, con l’approvazione del Decreto Legge del 20 ottobre 2020, n. 129 ha spostato di dodici mesi la notifica delle cartelle esattoriali già sospese per i problemi derivanti dal covid 19 – corona virus. E’ quanto prevede l’art. 1, lettera “b”. Quindi, un’altra deroga allo Statuto del Contribuente ma un bel respiro di sollievo per i contribuenti ed un anno di tempo in più per gli enti per effettuare tutto il lavoro preparatorio alla notifica degli avvisi.


Anche le comunicazioni di “inesigibilità”, da effettuare da parte degli agenti di riscossione agli enti creditori, slittano di un anno. Quindi, dal 1 Gennaio 2021, riprende l’attività degli Agenti della riscossione, fatte salve ulteriori proroghe. E’ evidente che dette proroghe interverranno solo nel caso in cui perdurino i problemi derivanti dalla infernale pandemia generata dal covid 19 – corona virus.

tasse congelate corona virus fino al 31 dicembre
congelate tasse per corona virus

Rate rottamazione-ter e Saldo e stralcio

Riguardo le rate relative alla rottamazione ter e saldo e stralcio vengono regolamentate nella maniera che segue. Tutti i contribuenti che sono in perfetta regola con le rate del 2019, possono godere di agevolazioni per eventuali scadenze non rispettate nel 2020. Il sopravvenuto arrivo del Covid 19, pertanto, dà la possibilità a questi contribuenti di poter pagare l’intera differenza entro il 10 Dicembre 2020.


Si tratta di una scadenza perentoria in quanto non possono essere utilizzati i 5 giorni di tolleranza concessi dall’art. 3, comma 14 bis del Decreto Legge n. 119 del 23 Ottobre 2018. Una modifica è stata anche fatta per i piani di rateizzazione già previsti dal “decreto rilancio” all’art. 154, lettere b e d (ridefinito dal “decreto agosto”).

Infatti, per le dilazioni già esistenti alla data del 8 Marzo 2020 e per i provvedimenti di accoglimento delle richieste presentate a tutto il 31/12/2020, il debitore decade dai benefici nei casi di “non pagamento” di 10 rate (consecutive e non). In precedenza, invece, la rateizzazione decadeva col mancato versamento di 5 rate.

Un’altra agevolazione è stata concessa ai contribuenti che hanno già perso il beneficio della definizione agevolata (per esempio, saldo e stralcio, rottamazione ter) a seguito di versamento non effettuato delle rate nel 2019 (oppure pagamento insufficiente o ritardato nel medesimo anno 2019). Per questi soggetti viene data la possibilità di potere pagare a rate quanto ancora dovuto al fisco o ad enti di vario tipo.


I suggerimenti della redazione

In questo articolo abbiamo trattato l’argomento “Cartelle esattoriali sospese per covid” o, come si usa anche dire, tasse congelate per corona virus. E’ una sospensione che rappresenta un aiuto notevole per tutti i contribuenti (soprattutto le aziende) entrati in difficoltà a seguito dell’evento pandemico. Qui sotto sono indicati una serie di link che richiamano articoli importanti di questo blog e che vi suggeriamo di leggere.

Articoli Correlati
AltriVarie sui tributi

Come pagare un F24 con Home Banking

8 min di lettura
Come pagare un F24 con Home Banking è un interrogativo che si pongono in molti. Questo soprattutto perché è diventato molto faticoso…
AltriVarie sui tributi

SIATEL Puntofisco istruzioni su come funziona

14 min di lettura
In questo articolo illustreremo l’importante servizio dell’agenzia delle entrate: SIATEL Puntofisco istruzioni su come funziona. Parleremo della autenticazione al SIATEL PuntoFisco e…
AltriVarie sui tributi

Avviso di accertamento esecutivo tributi locali

4 min di lettura
Può capitarti di ricevere, dal 2020, 2021 ed anni successivi, un avviso di accertamento esecutivo tributi locali. Si tratta di un nuovo…
Rimani Sempre Aggiornato


    Inserisci la tua migliore Mail per non perderti le News più importanti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *